Avvertenze stampa

Avvertenza!

La stampa di questo contenuto dal sito web non costituisce copia autentica.

L'efficacia probatoria del documento informatico è disposto dell'art. 21 del CAD: "1. Il documento informatico, cui è a pposta una firma elettronica, sul piano probatorio è liberamente valutabile in giudizio, tenuto conto delle sue caratteristiche oggettive di qualit&agrav; sicurezza, integrità e immodificabilità ... [...]"

La validità del documento sul sito web è garantito dal certificato crittografico di firma presente in tutte le pagine web. Ogni volta che avviene una conversione di forma (esportazione, stampa della pagina, copia del testo, ecc) il documento risultate non è più firmato, quindi, tutte le copie perdono ogni validità legale.

Le copie non hanno alcun carattere di ufficialità o validità legale, per diffondere informazioni pubblicate sul sito web si può procedere in due modi:

  1. diffondere e/o memorizzare l'url del contenuto che si intende salvare;
  2. un notaio può rilasciare la copia conforme di una pagina web, infatti, tale operazione deve essere adattata alla tipica attività notarile di rilasci o di copie, individuando gli elementi caratterizzanti tale tipologia di documento informatico dal punto di vista della sua realtà fenomenica.

Codice di comportamento dei dipendenti pubblici e codice disciplinare

Il comportamento dei dipendenti della scuola è regolato da una serie di norme che stabiliscono il quadro complessivo degli obblighi del personale, gli illeciti disciplinari, le relative sanzioni e le procedure di irrogazione.

Con decreto ministeriale 30 giugno 2014, n. 525 è stato approvato il Codice di Comportamento dei dipendenti del MIUR che, in ottemperanza a quanto previsto dall'art. 54 del D.Lgs. n. 165/2001, come sostituito dall'art. 1, comma 44, L. 190/2012 recante "Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica Amministrazione", integra e specifica il Codice di Comportamento dei dipendenti pubblici di cui al DPR n. 62/2013.
Le norme contenute nel Codice si applicano a tutto il personale dipendente ed in servizio presso il MIUR.
La violazione degli obblighi previsti dal Codice integra comportamenti contrari ai doveri d'ufficio ed è fonte di responsabilità disciplinare nonché, nei casi previsti, di responsabilità penale, civile, amministrativa o contabile.

In attuazione di quanto disposto dall’art. 68 del D.Lgs. n. 150 del 27/10/2009, recante “Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni“, il codice disciplinare dei dipendenti pubblici, come meglio individuato dagli artt. 55 e seguenti del D.Lgs. n. 165/01, come integrato con modifiche dal già citato D.lgs. n. 150/09, reca l’indicazione delle “sanzioni disciplinari e responsabilità dei dipendenti pubblici”. Come indicato dal testo dell’art. 55 del D.Lgs. n. 165/2001, le nuove disposizioni costituiscono norme imperative, ai sensi degli artt. 1339 e 1441 del codice civile, pertanto, integrano e modificano le fattispecie disciplinari previste dai C.C.N.L. “Comparto Scuola” siglato il 27.11.2009, comportando l’inapplicabilità di quelle incompatibili con quanto disposto dalle modifiche introdotte al D.Lgs. 165/2001, così come modificato dai Decreti legislativi n°150 del 2009, n°116 del 2016 e 75 del 2017.

Si pubblicano in quest’area del sito web di istituto il codice di comportamento e il codice disciplinare, costituiti dai seguenti documenti normativi di riferimento:

Codice di comportamento dei dipendenti pubblici, che stabilisce i comportamenti ai quali tutti i dipendenti delle pubbliche amministrazioni,  quindi anche il personale scolastico, devono uniformarsi - Decreto Ministeriale 30 giugno 2014, Prot. n. 525

Codice disciplinare, recante l’indicazione di infrazioni, sanzioni disciplinari e sospensione cautelare:

1.Per il personale A.T.A. - dall’art. 92 all’art. 97 del C.C.N.L. del 29.11.2007;

2. Per il personale Docente – dall’art. 492 all’art. 501 del Dlgs. 16.4.1994, n. 297;

3. Per entrambe le categorie di personale: sanzioni disciplinari e responsabilità dei dipendenti pubblici – dall’art. 67 all’art. 73 del Dlgs n. 150/2009.

 


C.M. n.-88 dell' 8.11.2010

Circolare Ministeriale contenente le indicazioni e le istruzioni per l’applicazione al personale della scuola delle nuove norme in materia disciplinare introdotte dal Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n.150.

Tabella-1-C.M.-88-8.11.2010.pdf 

Procedimento disciplinare per tutto il personale scolastico ai sensi del D.Lgs. 150/2009

Tabella-2-C.M.-88-8.11.2010.pdf 

Personale A.T.A.: infrazioni, sanzioni disciplinari e sospensione cautelare

Tabella-3-C.M.-88-8.11.2010.pdf 

Personale docente: infrazioni, sanzioni e sospensione cautelare

Tabella-4-C.M.-88-8.11.2010.pdf 

Dirigenti scolastici: infrazioni, sanzioni e sospensione cautelare

 

Si precisa che la pubblicazione sul sito istituzionale dei predetti documenti equivale, a tutti gli effetti, alla loro affissione all´ingresso della sede di lavoro.