Avvertenze stampa

Avvertenza!

La stampa di questo contenuto dal sito web non costituisce copia autentica.

L'efficacia probatoria del documento informatico è disposto dell'art. 21 del CAD: "1. Il documento informatico, cui è a pposta una firma elettronica, sul piano probatorio è liberamente valutabile in giudizio, tenuto conto delle sue caratteristiche oggettive di qualit&agrav; sicurezza, integrità e immodificabilità ... [...]"

La validità del documento sul sito web è garantito dal certificato crittografico di firma presente in tutte le pagine web. Ogni volta che avviene una conversione di forma (esportazione, stampa della pagina, copia del testo, ecc) il documento risultate non è più firmato, quindi, tutte le copie perdono ogni validità legale.

Le copie non hanno alcun carattere di ufficialità o validità legale, per diffondere informazioni pubblicate sul sito web si può procedere in due modi:

  1. diffondere e/o memorizzare l'url del contenuto che si intende salvare;
  2. un notaio può rilasciare la copia conforme di una pagina web, infatti, tale operazione deve essere adattata alla tipica attività notarile di rilasci o di copie, individuando gli elementi caratterizzanti tale tipologia di documento informatico dal punto di vista della sua realtà fenomenica.

LA VERA STORIA DI BABBO NATALE

Le classi terze si sono occupati, vestiti da elfi, di preparare i pacchi dono per la sera di Natale. Hanno raccontato la vera storia di Babbo Natale, una figura che stimola nei bambini sentimenti contrastanti: un misto di paura ed entusiasmo, una miscela di emozioni, tutto associato a movimenti scherzosi e canzoni natalizie. La finalità del progetto è stata quella di insegnare ai bambini la solidarietà. Infatti, le docenti delle classi terze, con l’ aiuto dei genitori, hanno raccolto dei giocattoli che, tramite l’associazione “Nasi rossi con il cuore”, rappresentata da Luana Corica, sono stati destinati a bambini disabili e ammalati di istituti e ospedali.

Lo spettacolo è stato inoltre dedicato a due fratellini di nostri alunni, “volati in cielo” prematuramente.

Materie: 
Italiano

Commenti